L’ULTIMA SIBILLA. Antiche divinazioni, viaggiatori curiosi e memorie folclori che nell’Appennino umbro-marchigiano



Autore: Maria Luciana Buseghin
Fotografie: Circa 100 illustrazioni, a colori e b/n
Pagine: 424
Formato: 21 x 28 cm
Confezione: Legatura in brossura
Lingua: Italiano
ISBN: 978-88-501-0315-7
Com’è avvenuto il passaggio dalla Sibilla antica a quella medievale? Perché questa profetessa è divenuta col tempo una demoniaca maga seduttrice, contornata da fate-ancelle? Perché la sua figura contiene due immagini di donna, la seduttrice e la salvatrice? Come si è trasmesso
il modello femminile sotteso alla Sibilla e che relazioni ha col mondo in cui vive ancora oggi, grazie alla recente “riscoperta” del mito sibillino?
E ancora: cosa ne hanno pensato i pastori dei Sibillini, i letterati, gli artisti, gli studiosi d’Italia e d’Europa dal XIV al XX secolo? Chi sono questi personaggi e perché sono stati attratti dal mito sibillino? 
A tutti questi interrogativi risponde questo poderoso, sistematico, “definitivo” saggio dell’antropologa culturale Maria Luciana Buseghin, arricchito dalle finestre etimologiche di Giancarlo Gaggiotti che aiutano a capire, grazie all’analisi linguistica, le vicende lontane e vicine di questa complessa figura, protagonista al femminile – in tutti i sensi – del mondo magico mediterraneo.

Seconda edizione riveduta e ampliata

Offerta Speciale: Risparmi il 15%.

€ 45,00 € 38,25



   


Powered by Webzone.it