Città sublimate



Autore: Vilma Maiocco
Pagine: 48
Formato: 22 x 22
Confezione: Legatura in brossura
Lingua: Italiano
ISBN: 978-88-501-0352-2
L’immaginario mutamento che sostituisce l’idea, il ricordo del paesaggio esistente o plausibile all’interno della propria particolare reinterpretazione, porta rapidamente alla fusione tra l’aspetto più favolistico e rurale del villaggio e quello più marcatamente metropolitano e caleidoscopico del centro urbano, persistendo con convinzione su di una linea ultratemporale e permettendo di evocare contestualmente l’impressione di contingenza e l’ininterrotto legame con quelle stagioni già trascorse, nel tempo reale così come in quello dell’azione creativa. L’andamento sovratemporale di ogni immagine, l’edificazione mai conclusa di questi luoghi altri, è premessa e risultato di un ciclo di ricreazione potenzialmente infinito, un percorso di ambienti sfuggenti e concreti, puntualizzati quanto indefinibili. La fascinazione di un’opera così sostanziale eppure sempre “in corso” va di pari passo con la sua capacità di accrescersi e svilupparsi continuamente, non fermandosi ad una limitante risoluzione e non esaurendosi in sé stessa. La “città”, emblema della dimensione dell’artista, è perciò viva e di conseguenza comunicante con le realtà attuali. Il dato urbanistico è per tutti questi motivi, come dicevamo, soggetto e chiave di lettura di un linguaggio che incorpora e sente la presenza umana fin dentro la realizzazione della più artificiale e studiata forma architettonica o paesaggistica. Esso ci consente di sintonizzare le nostre congetture ed impressioni sulla spontanea progettualità delle varie composizioni, di edificare sulla base di questi dipinti un ordine ed una direzionalità che ci sono propri.
Offerta Speciale: Risparmi il 15%.

€ 8,00 € 6,80



   


Powered by Webzone.it